Cisti pilonidale

Cause, sintomi e trattamento effettuato dal Dr. Giovanni Quartararo

Che cosa è la cisti pilonidale ?

Per cisti pilonidale  si intende una formazione cistica contenente peli formati. È conosciuta anche come cisti sacro-coccigea perché situata esclusivamente in questa regione e si forma tra lo strato adiposo cutaneo e la fascia muscolare.

Cisti pilonidale (o sacro-coccigea) Fig.1

Come si presenta la cisti pilonidale ?

La cisti pilonidale si può presentare come una piccola tumefazione in regione sacro coccigea della quale non si rende conto fino al momento in cui essa va incontro ad ascessualizzazione.

Clinicamente quando non in fase acuta si  può presentare tramite piccoli orifizi fistolosi a livello della rima interglutea con possibile perdite siero ematiche.

Cisti Pilonidale- ascessualizzazione, piccoli orifizi fistolosi Fig.2

Quale terapia per la cisti pilonidale ?

  • In caso di ascesso, il trattamento consisterà nel drenaggio della cisti mediante incisione e ciclo di medicazioni sino a guarigione completa. Questo non comporterà  la rimozione della cisti ma solo la risoluzione del quadro ascessuale.
  • In caso di cisti pilonidale non suppurata, il miglior trattamento invece consisterà nella asportazione radicale della cisti e del tessuto circostante. Tra le complicanze principali di questo intervento ritroviamo un tasso piuttosto elevato di infezione di ferita e a volte la recidiva della cisti.
Cisti pilonidale - intervento chirurgico in anestesia locale, o loco regionale (spinale) Fig.3

L’intervento a seconda della gravità dello stato infiammatorio e della dimensione può essere eseguito in anestesia locale, o loco regionale (spinale)  o generale.
Il dr. Quartararo dopo aver effettuato la visita chirurgica potrà proporre per al paziente il miglior trattamento in diverse strutture in base alle necessità dell’assistito.

Vuoi una visita privata?

Prenota chiamando lo Studio Medico La Marmora di Firenze. Telefona al numero 055 570797

oppure
Condividi questa pagina:Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someonePrint this page